La leadership che promuove il Flow e l’idea di Csikszentmihalyi di “Good Business”

Sebbene la maggior parte delle persone si diverta a lavorare quando entra in Flow, sono troppo pochi i lavori progettati per rendere possibile Flow. È qui che la gestione può fare davvero la differenza. Per un manager o un leader che si preoccupa veramente dei profitti nel senso più ampio del termine, la prima priorità è eliminare gli ostacoli al flow a tutti i livelli dell’organizzazione e sostituire pratiche e politiche progettate per rendere piacevole il lavoro. Nasce così un modello di leadership che promuove il Flow.

leadership che promuove il Flow

Che cos’è la Leadership che promuove il Flow?

I nostri lavori determinano in misura maggiore come sono le nostre vite. Un’organizzazione aziendale i cui dipendenti sono felici è più produttiva e ha una morale più alto. Qualsiasi manager che vuole che la sua organizzazione prosperi dovrebbe capire cosa rende felici le persone e implementare tale conoscenza nel modo più efficace possibile. Il modo migliore in cui il management può aiutare a motivare i lavoratori a perseguire obiettivi comuni e a crescere nel processo di attuazione è fornire opportunità per entrare in Flow sul posto di lavoro. Le condizioni essenziali per il flow sono:

– Obiettivi chiari che possono essere adattati per soddisfare le mutevoli condizioni
– Feedback immediato alle proprie azioni
– Una corrispondenza delle sfide del lavoro con le competenze del lavoratore.

Csikszentmihalyi, Good Business, 2003

Le numerose pubblicazioni di Csikszentmihalyi relative a Flow includono sempre dichiarazioni e discussioni sul suo insieme di valori. I valori che promuove riflettono la sua filosofia fondamentale di vita e il suo significato e scopo. Allo stesso tempo, i valori da lui sostenuti sono anche del tipo che, se ben attuati, aumenterebbero la soddisfazione degli individui (nella loro vita privata e come dipendenti), migliorerebbero le prestazioni organizzative (in senso lato) e commuoverebbero anche le persone verso una maggiore armonia sociale all’interno dell’organizzazione, della nazione e forse oltre.

Le prove mostrano che l’adozione di valori e pratiche di leadership che promuovono il flow producono due tipi di vantaggi sostanziali e collegati, indipendentemente dal fatto che il contesto sia la gestione di se stessi, l’interazione con gli altri o la guida di un team o di un’organizzazione.

  1. Il primo beneficio deriva dal miglioramento della soddisfazione di vita di sé, così come di quegli individui che sono esposti, direttamente o indirettamente, ad altri che si comportano in sintonia con i semplici precetti della teoria del Flusso.
  2. Il secondo vantaggio complementare di un ambiente di lavoro che promuove il flow è che migliora le prestazioni multidimensionali della squadra, dell’unità o dell’organizzazione, rispetto a una situazione ipotetica in cui non viene prestata attenzione al flow -promuovere pratiche o (e soprattutto) se il gruppo viene gestito in modo disfunzionale dal punto di vista del flusso. Performance multidimensionale significa misurare i risultati non solo attraverso i profitti (nel caso di enti senza scopo di lucro, “surplus”), ma anche tenendo conto di altri aspetti della performance come la soddisfazione e l’impegno dei dipendenti, la sostenibilità delle operazioni e la protezione l’ambiente.

“Good Busines” indica un ambiente di lavoro piacevole e favorevole al flow per i lavoratori di un’organizzazione, attraverso il quale la “scheda di valutazione del bilancio” di un’azienda (o di qualsiasi organizzazione) migliora, contribuendo così a società più sane e più sostenibili in generale.

La simulazione FLIGBY è la “gamification” del processo di crescita della leadership che promuove il flow. Durante il gioco, i giocatori ricevono feedback continui e personalizzati, progettati per guidarli verso pratiche manageriali basate sul flow.

FLIGBY come programma per la leadership basato sul valore

Oggi, FLIGBY e i suoi big data in rapida crescita ispirano progressi nella ricerca accademica in modi mai pensati all’inizio. Con la partecipazione attiva del Prof. Csikszentmihalyi al lavoro di ricerca, il progetto FLIGBY ha identificato e classificato le competenze di leadership che sono le più utili nella pratica della leadership che promuove il flow. Oggi FLIGBY sta generando un’enorme banca dati disponibile per supportare quasi ogni tipo di ricerca sulle competenze manageriali.

Leadership simulation Fligby

Un contributo concettuale chiave del design di FLIGBY allo sviluppo della leadership è l’identificazione di quelle competenze che sono particolarmente importanti per aiutare a generare e mantenere Flow sul posto di lavoro.

La leadership inizia da te: chi sei, cosa ti interessa e cosa vuoi che accada. FLIGBY è stato creato sulla base dei seguenti valori:

  1. Crediamo nel potere del flow– il flow è lo stato mentale di funzionamento in cui una persona in un’attività è completamente immersa in una sensazione di concentrazione energica, pieno coinvolgimento e successo nel processo dell’attività. L’organizzazione basata sul flow promuove il coinvolgimento dei dipendenti e atteggiamenti positivi sul posto di lavoro. Fatto bene, aiuta a ridurre i costi, i reclami dei dipendenti e rende l’azienda un luogo di cui le persone amano far parte. Il flusso ha la capacità di migliorare la qualità della vita.
  2. Visionare oltre il Sé – Non vale la pena fare affari che non contribuiscono alla crescita e al benessere umano, non importa quanto profitto generi nel breve periodo. Il tratto distintivo più importante dei leader visionari è che credono in un obiettivo che avvantaggia non solo se stessi ma anche gli altri. La gente vuole lavorare per una causa, non solo per vivere. Dobbiamo avere la convinzione che la nostra esistenza serva a uno scopo utile e abbia valore.
  3. Tu sei la chiave del successo – Contrariamente a ciò che la maggior parte di noi crede, la felicità non accade semplicemente a noi. È qualcosa che facciamo accadere e deriva dal nostro fare del nostro meglio. Più opportunità sei disposto a esplorare, maggiori sono le possibilità che hai di scoprire i tuoi punti di forza. Per sperimentare il Flow devi continuare a coltivare interesse e curiosità, rispondere a una vasta gamma di opportunità e sviluppare quante più abilità possibili.
  4. La leadership è una funzione delle domande – La gestione ha molto a che fare con le risposte. Ma la leadership è una funzione delle domande. E la prima domanda per un leader è sempre: “Chi intendiamo essere?” e non “Cosa faremo?” La tua creatività dipende in gran parte dalla capacità di porre le domande giuste. La ricerca dei problemi è piuttosto cruciale per la creatività rispetto alla risoluzione dei problemi.
  5. Far crescere le persone – il compito principale di un manager è far sì che le persone lavorino insieme in modo efficiente per una causa comune. Il modo migliore per raggiungere questo obiettivo è creare un ambiente in cui i dipendenti si divertano davvero con il loro lavoro e crescano nel corso del loro svolgimento. Far sì che i dipendenti diano il meglio di sé è un modo per consentire loro di crescere come individui. Un’organizzazione ideale è quella in cui le potenzialità di ciascun lavoratore trovano spazio di espressione.

Il Flow e la voglia di correre di Forrest Gump è l’argomento di questo articolo 

Recensione del libro Running Flow del Dr. Zoltan Buzady
Professore Associato di Leadership, Università Corvinus di Budapest Direttore, Leadership & Flow Global Research Network

 

Molti dei miei clienti di coaching si lamentano con me:

“Sono troppo stressato!  Sto cercando di fare del mio meglio per andare avanti, ma mi sento come bloccato nel fango! …”

“Allora, come fanno gli altri trovare il loro equilibrio interiore e la loro felicità!?”

Mi è piaciuto molto questo libro. Running Flow  si concentra esattamente su questo dilemma e ci offre anche una possibile soluzione: non solo un altro quadro teorico, ma soluzioni praticabili e consigli attuabili.

Running Flow

Qual è la ragione fondamentale per cui, nonostante le grandi conquiste della vita moderna, nonostante le prestazioni e la ricchezza sempre crescenti, molti si sentono ancora incompleti e insoddisfatti della propria vita?

Perché così tante persone intorno a noi sono infelici? Perché sempre più persone si chiedono se le loro attività quotidiane e la vita lavorativa siano davvero significative? Qual è la strada per la felicità? Qual è l’esperienza ottimale nella vita?

Mihaly Csikszentmihalyi, lo scienziato ungherese più noto al mondo, ha una lunga storia di successi e traguardi: fondatore della psicologia positiva come nuovo campo della scienza, pioniere degli studi sulla creatività e sulla felicità e il guru sull’equilibrio della relazione tra il raggiungimento delle massime prestazioni individuali, di gruppo e organizzative e il mantenimento della felicità.

Al centro di tutto questo c’è la sua nozione di ‘Esperienza Ottimale’ che una persona può avere durante un’attività, la sua scoperta dei ‘Momenti dell’essere nel Flow’.

Il Flow

A prima vista, questo libro sembra parlare di corsa, quindi in che modo è correlato a Flow?

Il vero tema centrale di questo libro sono tutte quelle attività, che svolgiamo nel corso di una giornata, a casa o al lavoro! Quando le nostre vite passano, giorno dopo giorno, e possiamo scegliere, trasformiamo le nostre tante attività di routine in una fonte di felicità? Per questo, abbiamo bisogno di sapere come funzionano il flow, la felicità e una vita significativa.

Io e il nostro fantastico team di FLIGBY, lavoriamo insieme a Csikszentmihalyi da molti anni. Il nostro ‘Leadership & Flow Global Research Network’ fornisce consulenza e aiuto a imprenditori, aziende, multinazionali e organizzazioni globali su come implementare la gestione che promuove il flow. Ciò si traduce in più energia, creatività, prestazioni e felicità sul lavoro.

Il flow è un’energia speciale che guida la persona dall’interno!

“Quel giorno, senza un motivo particolare, ho deciso di fare una piccola corsa. Così ho corso fino alla fine della strada. E quando sono arrivato, ho pensato che forse avrei corso fino alla fine della città. E quando sono arrivato lì, ho pensato che forse avrei attraversato la contea di Greenbow. Poi il grande stato dell’Alabama. Ho solo continuato ad andare avanti”.

Ricordi Forrest Gump nel film di successo di Hollywood ? Quando un giornalista gli chiede quali erano le intenzioni della sua corsa e perché migliaia di persone in tutti gli Stati Uniti lo seguono sotto la pioggia e la neve, Forrest risponde semplicemente: “Avevo solo voglia di correre”.

“Bene, questo è il vero potere magico di ‘essere in Flow’! Coinvolge anche gli altri a partecipare!”

Riepilogo:

Professionalmente consiglio vivamente questo libro.

È una guida essenziale per trovare la felicità nella tua vita. Il libro è piacevole da leggere, ben studiato e pratico. Se lo leggi attentamente potresti persino scoprire qual è la profonda saggezza della vita di Winnie-the-Pooh sull’ “essere in Flow”!

In effetti, sto usando questo libro come libro di corso ufficiale (!) sui miei corsi Executive MBA globali ormai da diversi anni. Vincere conta ai Giochi Olimpici, nell’ambiente aziendale e nella sfera pubblica, ma vincere per se stessi, per la propria vita, è la vera domanda chiave, ovviamente!

“Sei un vincitore? Questo libro può conquistarti!”

Herakleitos, l’antico filosofo greco disse: Nessuno può entrare due volte nello stesso corso del fiume – penso che, una volta letto questo libro, la tua percezione della tua vita, delle tue attività e della tua possibile via verso la felicità e il Flow, non sarà più neanche più lo stessa.

Mihaly Csikszentmihalyi ha scoperto il fenomeno del Flow, che porta ad alte prestazioni, creatività e sviluppo delle competenze.

Cioè, una possibile via per sfuggire alla stressante corsa al successo della vita moderna e una scorciatoia per la “zona dell’essere in Flow”, che per la maggior parte delle persone è una fonte di felicità che porta a una vita significativa.

Auguro a te e a tutti i futuri lettori: “Che il Flow sia con voi!”

Che impatto ha il Flow nel mondo VUCA? Gestire il caos è la nostra nuova normalità? Possiamo raccogliere la sfida delle nuove realtà con cui ci siamo scontrati durante la pandemia? È possibile crescere in un mondo, pieno di volatilità, incertezza, complessità e ambiguità?

La vita è VUCA

VUCA, un termine originario delle teorie sulla leadership di Bennis e Nanus e reso popolare dall’esercito americano intorno all’anno 2000 per descrivere le nuove realtà dell’epoca, sta per Volatilità, Incertezza, Complessità e Ambiguità. Oggi la vita è VUCA, in tutti i suoi aspetti. Dall’indossare mascherine, fare i vaccini, al lavoro da casa e al grave esaurimento, dalla crisi climatica ai disordini sociali, i recenti esempi di cambiamenti rapidi, imprevedibili, frequenti e significativi hanno reso difficile preparare, risolvere i problemi e prendere decisioni senza dover scendere a compromessi. Molti problemi preesistenti sono stati esacerbati e, poiché abbiamo rimandato la loro gestione, stiamo tornando a dover prendere più decisioni che mai.

“I problemi non possono essere risolti con la stessa mentalità che li ha creati.”

Albert Einstein

La pressione di un rapido processo decisionale e la necessità di un’ottimizzazione costante continuano a porre richieste incredibili alla nostra attenzione, portando spesso al burnout. Ci viene detto che l’incertezza crea un sovraccarico cognitivo e lo stress associato può essere dannoso per la nostra salute. Durante la pandemia, nessuno sapeva con certezza in quale fase ci trovassimo, o come sentirci, e gestire alti livelli di volatilità e ambiguità ci ha fatto cambiare mentalità. Se vogliamo prosperare in questo ambiente VUCA, dobbiamo imparare ad amare il cambiamento, padroneggiare il paradosso e diventare estremamente flessibili, agili e resilienti.

La resilienza post-pandemia consiste nell’assumere una posizione “sì e” per una vita piena di volatilità, incertezza, complessità e ambiguità. Mentre accettiamo le nostre circostanze in continua evoluzione, dobbiamo allo stesso tempo concentrare la nostra energia sulla creazione di opzioni alternative per ripristinare il nostro senso di libero arbitrio. Questa lente diversa può darci il tanto necessario sollievo dalla sensazione di sopraffazione. Poiché l’incertezza e la volatilità continuano, la flessibilità rimarrà la chiave per crescere nel mondo VUCA di oggi. La vera resilienza, dopo tutto, è qualcosa di più della semplice capacità di riprendersi, implica che emergiamo più forti grazie all’esperienza.

Flow, la risposta più flessibile al mondo VUCA

Un valido approccio per coltivare la resilienza e rispondere in modo costruttivo al caos creato dalle condizioni VUCA punta alla coltivazione dello stato mentale di Flow. Nel suo libro Flow: The Psychology of Optimal Experience, il professore Mihaly Csikszentmihalyi spiega che in Flow operiamo al meglio, siamo sfidati al massimo delle nostre competenze, ma alla fine emergiamo più forti come risultato dell’esperienza. Poiché Flow è un evento psichico complesso che mobilita tutte le nostre capacità cognitive, tecniche e prestazionali in qualunque ambito operiamo, diventiamo così coinvolti nel problema e nel compito da svolgere tanto da percepire il minimo squilibrio nel nostro ambiente, un’abilità cruciale nel mondo VUCA.

“In Flow, una persona è sfidata a fare del suo meglio e deve migliorare costantemente le sue capacità”.

Prof. Csikszentmihalyi

Il flow ci tira fuori dalla paura e dalle preoccupazioni per un futuro incerto perché richiede che concentriamo la nostra attenzione su ciò che dobbiamo risolvere e con cui impegnarci in questo momento. Quando lavoriamo per controllare la nostra attenzione in questo modo, ci sentiamo come se avessimo più controllo sulle nostre vite. Il flow potrebbe diventare un’efficace strategia di coping quando ci si sente sopraffatti dall’ambiguità perché le condizioni necessarie per sperimentare il flow includono un senso di controllo. Le otto condizioni necessarie per l’esperienza di Flow, e allo stesso tempo risorse preziose per crescere nella realtà VUCA, includono motivazione intrinseca, chiarezza degli obiettivi, senso di controllo, feedback frequenti, equilibrio tra sfida e abilità, attenzione focalizzata e infine fusione di azione e consapevolezza che porta alla perdita di autocoscienza e alterata percezione del tempo.

Lo stress mentale ai tempi del Covid

Il flow come soluzione per crescere nel mondo VUCA ha il potenziale per vaccinarci contro inevitabili battute d’arresto. La pandemia ci ha fornito molte ricerche preziose che hanno mostrato l’efficacia di coltivare il flow in circostanze difficili. Mentre molti studi si sono proposti di misurare gli effetti dannosi dell’isolamento e dell’incertezza sulla salute mentale ed emotiva, altri hanno scelto di concentrarsi sulle soluzioni che possono aiutare a prevenire questo declino. Nonostante i rapporti mostrino che i tassi di depressione e sintomi di ansia sono raddoppiati e persino quadruplicati in alcune località del mondo dal 2019, sarebbe giusto dire che concentrarsi solo sulla correzione del problema è un lusso che non possiamo permetterci nel 2021.

Il Flow nel mondo VUCA

Sweeny e colleghi hanno scoperto che le attività significative, in particolare quelle che hanno generato stati di flow, erano molto più predittive di una maggiore resilienza allo stress causato dalla pandemia. I partecipanti che hanno riferito di impegnarsi frequentemente in attività che inducono il flow hanno mostrato un calo minimo o nullo del benessere. Questo perché il Flow sembrava moderare il legame tra la durata della quarantena e il benessere.

Se sperimentare Flow potrebbe proteggere gli individui dagli effetti potenzialmente dannosi dell’isolamento, quali sono le sue implicazioni per il mondo post-pandemia?

Più di quarant’anni di ricerca psicologica sullo stato mentale di Flow ha permesso di associare questa esperienza unica al benessere, al miglioramento della salute mentale e alla soddisfazione della vita perché ci permette di trasformare lo stress in qualcosa di positivo.

Flow è l’ultima esperienza eustress

Non tutto lo stress è vissuto come dannoso e non tutto lo stress crea un’esperienza negativa. Coltivare il Flow porta un senso di soddisfazione quando si sollevano sfide perché questo stato incarna una risposta positiva allo stress nota anche come eustress. Quando siamo pienamente presenti e concentrati sul compito da svolgere, lontano dall’essere presi dai nostri stati interni, l’eustress provoca la sensazione di euforia. Øystein Saksvik, sostiene che un buon stress è necessario per le prestazioni, sia a livello individuale che collettivo, ma anche che lo stress deve essere presente nelle nostre vite come motivatore. La chiave è:

  • capire la differenza tra stress distruttivo e costruttivo
  • essere in grado di convivere con entrambi (perché abbiamo bisogno di sfide e controforze per progredire, superare le difficoltà e sviluppare la perseveranza), e
  • imparare a spostare la propria prospettiva da negativa a positiva, sia come individuo che all’interno di un’organizzazione.

La creazione di significato

Il modo in cui rispondiamo alle sfide e allo stress fa la differenza. La dottoressa Kelly McGonigal della Stanford University sostiene che le persone sono meno motivate a cercare di evitare lo stress che a sfruttarlo per fini significativi e a vedere lo stress come un’opportunità per essere all’altezza della situazione. Il flow ci insegna a sentirci a nostro agio vincendo sfide, grandi e piccole.

Le forme più efficaci e ampiamente disponibili di promozione del flow sono visibili in quegli ambienti di lavoro che offrono opportunità di divertimento che derivano dal fare del proprio meglio, “ambienti con un’anima in cui il lavoro può essere flow” come descrive Csikszentmihalyi nel suo libro del 2004 intitolato Good Business: Leadership, flow e la creazione di significato. Le nostre organizzazioni plasmano le nostre identità. I sistemi che tendono alla complessità e le imprese che consentono l’apprendimento continuo forniscono ai propri membri un lavoro importante per le persone, un lavoro che conta e un lavoro in cui le persone si prendano cura l’una dell’altra. Come spiega Cal Newport:

“ Il burnout non è causato da troppo lavoro, ma piuttosto da troppo poco lavoro che abbia un significato”

Cal Newport

Quale modo migliore per coltivare il flow che diventare un esperto di leadership guidata dal flow?

Il modo migliore per conoscere Flow e sviluppare le competenze necessarie per combattere gli ostacoli creati da VUCA può essere trovato nei programmi di apprendimento esperienziale che si concentrano specificamente sui modi per promuovere Flow e sviluppare le competenze del mondo VUCA di abbracciare e bilanciare il rischio, la sperimentazione, l’autoconsapevolezza, capacità di apprendimento al volo e spietata definizione delle priorità.

Come promuovere il Flow e le competenze del mondo VUCA

A livello individuale, l’apprendimento esperienziale efficace riguarda l’estrazione dell’apprendimento da ogni esperienza e richiede che i partecipanti mantengano un orientamento verso l’apprendimento di fronte alla pressione e riflettano sull’esperienza durante tutto l’arco della vita. Gli ambienti di formazione più efficaci per le sfide VUCA di oggi sono simulazioni aziendali su larga scala e altamente realistiche, in cui vengono registrate tutte le interazioni e i risultati vengono esaminati con esperti qualificati, idealmente in una configurazione di apprendimento misto.

Le simulazioni aziendali consentono ai leader e ai leader emergenti di esercitare il processo decisionale in situazioni insolite, difficili e complesse.

A differenza della nostra realtà VUCA, in una buona simulazione aziendale, possiamo sperimentare e fallire in sicurezza. I giochi di simulazione di leadership virtuale come FLIGBY ci consentono di esercitarci nell’affrontare le emergenze e le decisioni importanti in un ambiente virtuale a basso stress fino a quando non acquisiamo tutte le competenze che ci rendono un buon leader attraverso l’identificazione, la valutazione e la mitigazione del rischio. Forniscono inoltre un feedback personalizzato sulle capacità di leadership rilevanti per la realtà VUCA.

Uno di questi strumenti è il rapporto VUCA generato dal FLIGBY 2.0 che affronta le competenze che dobbiamo sviluppare per prosperare nel caos caratteristico del clima organizzativo odierno.

Coltivare lo stato mentale del Flow allo scopo di vaccinarci contro gli effetti negativi dello stress prolungato ci permette di affrontare il problema coltivando il positivo.

Trasformare il lavoro e più attività quotidiane in esperienze più simili al Flow ha, secondo le parole del professor Csikszentmihalyi, il potenziale di rendere ogni giorno più ricco, intenso e significativo e ogni atto più gratificante. La promozione del Flow può aiutare le aziende e gli individui a prosperare, guidare con maggiore fiducia e avere successo anche in tempi incerti.

Questo contributo è stato scritto e curato dal Dr. Zoltan Buzady (Direttore, Leadership & Flow Global Research Network, Professore Associato presso CORVINUS Business School) in collaborazione con Ms. Marge Sassi (Ricercatrice e dottoranda, Estonia Business School). Dal diario della Leadership Simulation FLIGBY di Erika (studentessa di economia, Finlandia)

INTRO

La maggior parte di noi si aspetta che le star sul palco (che sia una sala da concerto o un teatro) siano in Flow e molto probabilmente anche i professori dovrebbero brillare in modo mirato una volta che hanno tenuto la lezione. E gli studenti seduti nelle lezioni? Durante i lavori di squadra, non è affatto una missione impossibile! E il resto del tempo durante l’apprendimento? Non è facile rispondere in quanto non abbiamo un vero flussometro in giro. Tuttavia, sulla base dei seguenti frammenti di studenti che leggono i diari, che riflettono le loro esperienze di gioco FLIGBY, accompagnati da intuizioni personali, puoi indovinare cosa sta succedendo nella testa e nel cuore degli studenti mentre studiano e sperimentano l’universo di Flow…

  1. ERIKA descrive nella seguente auto-riflessione i sui suoi sacrifici per FLIGBY e come è stata introdotta alle basi di Flow e FLIGBY attraverso “Missing link”…!
  2. JOHAN esprime i suoi primi aha-momenti durante la lettura del libro.
  3. LUISE fa un ulteriore passo avanti spiegando in modo molto illustrativo e in modo molto dettagliato le sue (pre)condizioni di flow e i driver nel suo lavoro.

SOMMARIO

Non solo sentire, ma anche sperimentare consapevolmente il Flow, sono i primi passi per prepararsi all’esperienza! E poiché FLIGBY ci sta insegnando non solo a entrare nella zona da soli, ma a creare il terreno per il nostro team, possiamo trarre ancora una volta la conclusione di base: pianificare e preparare è tutto… Sei pronto a pianificare la tua esperienza Flow e impostare le condizioni favorevoli per far decollare la tua organizzazione?

È un mercoledì sera, sto programmando di andare in palestra, ma poi mi rendo conto di non aver ancora iniziato il compito di allenamento a casa. Accidenti. Devo saltare la palestra e iniziare a lavorare con la simulazione.

Trovo un po’ difficile portare la mia attenzione allo studio dopo una lunga giornata di lavoro e una grande voglia di fare un pisolino. No, ‘Posso farlo!’. Faccio clic su “Missing Link Discovered” di Marer, Buzady ​​e Vecsey, apro e inizio la mia lettura.

Dopo un po’, noto che l’articolo è in realtà piuttosto interessante e questo è il tipo di scienza e ricerca che mi piace leggere, anche senza il “devo”. Continuando a leggerlo, mi rendo conto di essere in quello stato mentale speciale.

Sono in flow. OH!

Il testo è comprensibile ma sono presenti dei concetti abbastanza nuovi, tanto da mantenerlo impegnativo, per niente noioso!

Dal diario della Leadership Simulation FLIGBY di Johan (responsabile del team di assistenza, Paesi Bassi):

Per cominciare, devo essere completamente onesto. Prima di FLIGBY, non avevo mai nemmeno sentito parlare di “Flow”.

Eppure, più volte nella mia vita sono stato in uno stato di flow senza sapere che fosse una cosa reale.

Potrei anche dire che quei momenti danno il massimo del piacere al lavoro e quando si completano i compiti. So che ci sono momenti in cui si è completamente immersi nel compito da svolgere, ma non sapevo che ci fosse un termine per definirlo, basato su uno studio scientifico.

Dal diario della Leadership Simulation FLIGBY di Luise (manager espatriata e DJ di night club, Canada):

Leggendo il Prof. Csikszentmihalyi che parla di come Flow al lavoro sia uno stato mentale, posso facilmente rifletterlo sul mio lavoro. Lavoro come DJ in diversi locali notturni della Finlandia e occasionalmente altrove.

Mentre faccio il DJ, il mio lavoro è dare energia alla folla e creare un’atmosfera in cui le persone si sentano a proprio agio, rilassate. Sposto tutti nella “zona”. Si può anche chiamare questa sensazione essere in un Flow. Per portare la folla in Flow, devi essere tu stesso in Flow in modo da leggere la folla, l’atmosfera, la tua energia e il Flow che trasmetti al pubblico. Questo fa parte della psicologia positiva.

Come DJ non ho alcuna motivazione esterna per il mio lavoro (non ricevo nemmeno uno stipendio) o ricevo una ricompensa speciale per fare bene il mio lavoro. Ecco perché sono molto d’accordo con le parole di Csikszentmihalyi quando parla di ciò che guida la motivazione delle persone. Nel lavoro di DJ la vera fonte della motivazione è quella di essere in Flow.

Non c’è sensazione migliore che sentire le tue buone vibrazioni passare al pubblico. La metafora del Flow significa “essere in un fiume”, descrive precisamente la mia sensazione di essere in Flow.

Il “Flow Radar” con il relativo livello di Skill sull’asse X e il livello soggettivo di Challenge sull’asse Y è molto interessante per me. Parliamo di tre diversi tipi di concerti per DJ e flussi di lavoro interni. Ma lasciatemi prima confermare, il mio livello di abilità come DJ è decisamente cresciuto e continua a crescere quando devo affrontare un livello di sfida crescente. Quindi, sono in qualche modo variabili correlate al mio lavoro. Non riesco a spiegarlo più precisamente perché richiederebbe troppa attenzione sul punto principale.

Figura 1 DJ in FLOW – Foto del Dr. Zoltan Buzady, HangZhou, Cina, 2017

Per prima cosa, parliamo di concerti di nozze. Lo sposo, il fidanzato o le damigelle di solito mi danno un elenco di canzoni che vogliono ascoltare e talvolta anche in quale ordine e a che ora. Questo rende il livello di Sfida per me molto basso, ma non influisce sulle mie capacità nel mio lavoro. Molto probabilmente sarò in grado di suonare le canzoni nell’ordine giusto con un piccolo tocco di DJ RT e il mio livello di abilità rispetto al livello di sfida sarà piuttosto alto. Questo non significa che non sarò nel Flow, anche se il radar Flow afferma che dovrei essere in uno stato mentale di noia. Probabilmente mi distraggo guardando gli ospiti e le loro interazioni…

Secondo: bellissimo locale, con luci e sistemi audio incredibili ma pochissime persone in giro. Il mio lavoro è creare l’atmosfera della ‘vera festa’. Naturalmente, io e tutti i colleghi troviamo molto difficile e deprimente se la pista da ballo e il grande locale sono vuoti e noiosi. In questi casi, il livello di sfida è davvero alto, ma anche le mie capacità di DJ sono alte, ma devo trovare un modo per applicarle in modo appropriato. Presumo che le attuali sfide della pista da ballo ancora vuota siano leggermente superiori alla mia attuale applicazione delle abilità. Secondo il ” Radar di flusso “,’ il mio Flow dovrebbe essere pronto. Sto entrando nello stato mentale di Controllo, nella speranza che dopo un po’ i ballerini mi stimolino ad entrare nella Zona di Flow. Tuttavia, se la sfida è troppo alta, come nel caso in cui sono presenti solo persone sobrie e annoiate, allora non sarebbe di aiuto neanche il fatto di essere il miglior DJ del mondo pronto a creare fantastici flussi sulla pista da ballo.

Terzo: un locale affollato con molti clienti, molto ubriachi o addirittura sballati. Ebbene, in questi casi, è piuttosto facile creare un’atmosfera in cui le persone si divertano e entrino in flow. Il livello di sfida su questi eventi è inferiore e rispetto alle mie grandi capacità di DJ. Prima sono in Arousal, poi mi sposto in Flow. E questo alimenta il Flow anche nel pubblico. Finiamo per essere tutti in un fiume pieno di energia e di stati di Flow – Flusso di Gruppo. Io, tu, tutti sentiremo l’euforia di entrare in azione e questo mi rende costantemente migliore nel mio lavoro poiché mi sento sempre più energizzata dagli altri e sento buone vibrazioni.

RIEPILOGO

Non solo sentire, ma anche sperimentare consapevolmente il Flow, sono i primi passi per prepararsi all’esperienza!

E poiché FLIGBY ci sta insegnando non solo a entrare nella zona da soli, ma a creare il terreno per il nostro team, possiamo trarre ancora una volta una conclusione di base: pianificare e preparare è tutto… Sei pronto a pianificare la tua esperienza di Flow e impostare le condizioni favorevoli affinché la tua organizzazione salga alle stelle?

Pubblichiamo in italiano un brillante articolo di Mir Sajad che descrive come la noia possa essere funzionale al coinvolgimento.

La noia è qualcosa di naturale, come uno sbadiglio, è il mezzo che ci porta all’epifania del vagare nei nostri “palazzi della mente”. Possiamo considerarla come la più esistenziale delle emozioni umane, lo stato di essere ‘sottosopra’ e ‘sopraffatto’ allo stesso tempo. Durante il periodo di pandemia la maggior parte delle persone l’ha sperimentata. L’esperienza di questo fenomeno è diventata ancora più universale e ciò a cui stiamo assistendo è la democratizzazione della noia. La noia è una sorta di vuoto ‘temporaneo’ dell’animo umano come dice Leopardi

‘La noia è l’espressione della profonda disperazione di non trovare nulla che possa soddisfare i bisogni sconfinati dell’anima’.

La noia è uno stato naturale degli esseri umani quando sono lasciati a se stessi mentre Pascal contempla “senza Dio gli esseri umani sono condannati alla noia” “tutti i problemi derivano dall’incapacità dell’uomo di sedersi tranquillamente in una stanza da solo”. Immergendoci nel mondo dell’”interfaccia” virtuale, cerchiamo di allontanare la nostra noia annegando nel “colpo di dopamina” stimolato dallo scorrere verso il basso del romanzo e dalle novità che sfrecciano negli spazi virtuali. Questo modo di fare distraente ci porta ad allontanarci sempre di più dallo sperimentare le meraviglie della noia. La corsa alla rinfusa per i diversivi unita alla nostra ossessione per la realtà virtuale mostra proprio la nostra paura del vuoto che ci circonda. Dovremmo cercare di fare un uso migliore dei tempi presenti come prendere del tempo per entrare in contatto con noi stessi ed esplorare la bellezza della nostra “anima” per far fronte all’”incapacità” pascaliana in modo da poter vivere tranquillamente in una stanza da soli e andare in Flow attraverso la noia proprio come viene descritto da Csikszentmihalyi‘.

Alcune delle idee migliori e delle opere letterarie della storia sono nate proprio nei tempi di noia. Isaac Newton, il matematico e fisico inglese è generalmente considerato un volto di spicco dell’Età dell’Illuminismo. Quando l’Università di Cambridge fu chiusa durante la peste della Grande Londra del 1665, Newton si confinava e conduceva esperimenti. Quest’anno lontano dalla sua università è stato in seguito indicato come annus mirabilis l’anno delle meraviglie poiché questo era il periodo in cui ha scoperto le leggi di gravità e i principi dell’ottica con un’ampia gamma di esperimenti fatti in casa dal foro noioso nelle sue persiane per il posizionamento di un raggio di luce che conduce lui all’ottica della famosa “caduta della mela” che osservò attraverso la sua finestra a Woolsthorpe.

William Shakespeare, uno dei più grandi scrittori e drammaturghi di lingua inglese, visse soprattutto durante le pestilenze. Compose Re Lear, Macbeth e Antonio e Cleopatra durante la peste del 1605-1606. Shakespeare diede al mondo alcune delle più belle eredità letterarie durante la quarantena.

Anton Cechov durante le frequenti epidemie di colera in Russia (1892 e 1899) creò alcuni dei racconti più famosi al mondo, tra cui “Il monaco nero” e “Ward No. 6” durante un periodo di vita semi-isolata nella sua tenuta di Melikhovo.

John Milton famoso per il suo poema epico “Paradise Lost” sulle sue epifanie dell’ordine divino è diventato cieco mentre curava quest’opera. Milton scrisse “Paradise Lost” quando si trasferì nella sua nuova casa a St. Giles per evitare la Grande Peste di Londra (1665-1666).

“Il Decameron” di Giovanni Boccaccio senza dubbio uno dei più grandi pezzi di letteratura sulla pandemia, scritto principalmente in volgare fiorentino ci dà un resoconto completo della peste fiorentina del 1348.

Alexander Pushkin “grande cantore” di lettere russe, nel 1830 durante l’epidemia di colera di Mosca ha completato il romanzo in versi Eugene Onegin e altre opere classiche.

L’imperatore romano Marco Aurelio Antonino affrontò la peggiore delle piaghe durante la sua vita e una di queste prese il nome da lui “Antoine Plague” che si stima abbia ucciso fino a 5 milioni di persone, forse lo stesso Aurelio. È durante questo periodo che scrisse un famoso trattato filosofico Meditazioni, una guida filosofica e pratica per affrontare le sfide della perdita, dell’ansia, del dolore ecc. Meditazioni, risulta essere il manuale per sviluppare la resilienza mentale ai tempi della pandemia.

Bertrand Russell, mentre tentava di mappare le cause dell’infelicità nella vita moderna, scrisse in Conquest of Happiness, “La noia come fattore del comportamento umano ha ricevuto, a mio parere, molta meno attenzione di quanto meriti. È stato, credo, uno delle grandi forze motrici per tutta l’epoca storica, e lo è oggi più che mai». Immergendosi nelle nostre narrazioni personali, la noia scopre in noi il fenomeno cognitivo chiamato pianificazione autobiografica, un concetto neuro-scientifico che si occupa di capire come se la cava la nostra mente quando sogna ad occhi aperti. Marcus Raichle, un distinto neurologo della Washington University, ha scoperto che durante la noia il nostro cervello entra in una modalità predefinita, in cui si attiva un sistema di reti neurali che porta alla risoluzione dei nostri problemi e alla nascita di idee originali. Questo apre nuove prospettive per affrontare le nostre vite, visualizzando noi stessi in nuove situazioni e aiutandoci ad adattarci alla situazione del momento.

Heidegger, il filosofo tedesco che usava la fenomenologia introspettiva, credeva che la “noia profonda” potesse rappresentare il mezzo radicale per accedere all’essenza dell’essere.

La filosofia orientale mette in parallelo la noia al piano meditativo come Thích Nhất Hạnh nel suo libro del 1975 Miracoli della consapevolezza raccomanda di usare la parola “meditazione” alla fine di tutte le attività noiose. Robert M. Pirsig esplora nel suo Zen and the Art of Motorcycle Maintenance il legame tra il Buddismo Zen e la noia, con l’obiettivo di scoprire i significati incorporati negli attacchi di noia e la sua impercettibile aggiunta di significato nelle nostre vite.

Gli umani non possono sfuggire alla noia. Nietzsche ha scritto “Contro la noia anche gli dei lottano invano”. Camus, pur riconoscendo l’importanza della noia, la considerava come fonte di un’esistenza sana e piacevole.

Quindi abbracciamo la noia come guida per raggiungere la consapevolezza, la riscoperta di noi stessi, per risvegliare le nostre realtà esistenziali e l’apertura verso avventure creative. Tieniti annoiato per dispiegare e ripiegare le coordinate della nostra esistenza in questa “società liquida” baummainiana dove i significati evaporano e le artificiosità si solidificano..!