Articoli

Pubblichiamo in italiano un brillante articolo di Mir Sajad che descrive come la noia possa essere funzionale al coinvolgimento.

La noia è qualcosa di naturale, come uno sbadiglio, è il mezzo che ci porta all’epifania del vagare nei nostri “palazzi della mente”. Possiamo considerarla come la più esistenziale delle emozioni umane, lo stato di essere ‘sottosopra’ e ‘sopraffatto’ allo stesso tempo. Durante il periodo di pandemia la maggior parte delle persone l’ha sperimentata. L’esperienza di questo fenomeno è diventata ancora più universale e ciò a cui stiamo assistendo è la democratizzazione della noia. La noia è una sorta di vuoto ‘temporaneo’ dell’animo umano come dice Leopardi

‘La noia è l’espressione della profonda disperazione di non trovare nulla che possa soddisfare i bisogni sconfinati dell’anima’.

La noia è uno stato naturale degli esseri umani quando sono lasciati a se stessi mentre Pascal contempla “senza Dio gli esseri umani sono condannati alla noia” “tutti i problemi derivano dall’incapacità dell’uomo di sedersi tranquillamente in una stanza da solo”. Immergendoci nel mondo dell’”interfaccia” virtuale, cerchiamo di allontanare la nostra noia annegando nel “colpo di dopamina” stimolato dallo scorrere verso il basso del romanzo e dalle novità che sfrecciano negli spazi virtuali. Questo modo di fare distraente ci porta ad allontanarci sempre di più dallo sperimentare le meraviglie della noia. La corsa alla rinfusa per i diversivi unita alla nostra ossessione per la realtà virtuale mostra proprio la nostra paura del vuoto che ci circonda. Dovremmo cercare di fare un uso migliore dei tempi presenti come prendere del tempo per entrare in contatto con noi stessi ed esplorare la bellezza della nostra “anima” per far fronte all’”incapacità” pascaliana in modo da poter vivere tranquillamente in una stanza da soli e andare in Flow attraverso la noia proprio come viene descritto da Csikszentmihalyi‘.

Alcune delle idee migliori e delle opere letterarie della storia sono nate proprio nei tempi di noia. Isaac Newton, il matematico e fisico inglese è generalmente considerato un volto di spicco dell’Età dell’Illuminismo. Quando l’Università di Cambridge fu chiusa durante la peste della Grande Londra del 1665, Newton si confinava e conduceva esperimenti. Quest’anno lontano dalla sua università è stato in seguito indicato come annus mirabilis l’anno delle meraviglie poiché questo era il periodo in cui ha scoperto le leggi di gravità e i principi dell’ottica con un’ampia gamma di esperimenti fatti in casa dal foro noioso nelle sue persiane per il posizionamento di un raggio di luce che conduce lui all’ottica della famosa “caduta della mela” che osservò attraverso la sua finestra a Woolsthorpe.

William Shakespeare, uno dei più grandi scrittori e drammaturghi di lingua inglese, visse soprattutto durante le pestilenze. Compose Re Lear, Macbeth e Antonio e Cleopatra durante la peste del 1605-1606. Shakespeare diede al mondo alcune delle più belle eredità letterarie durante la quarantena.

Anton Cechov durante le frequenti epidemie di colera in Russia (1892 e 1899) creò alcuni dei racconti più famosi al mondo, tra cui “Il monaco nero” e “Ward No. 6” durante un periodo di vita semi-isolata nella sua tenuta di Melikhovo.

John Milton famoso per il suo poema epico “Paradise Lost” sulle sue epifanie dell’ordine divino è diventato cieco mentre curava quest’opera. Milton scrisse “Paradise Lost” quando si trasferì nella sua nuova casa a St. Giles per evitare la Grande Peste di Londra (1665-1666).

“Il Decameron” di Giovanni Boccaccio senza dubbio uno dei più grandi pezzi di letteratura sulla pandemia, scritto principalmente in volgare fiorentino ci dà un resoconto completo della peste fiorentina del 1348.

Alexander Pushkin “grande cantore” di lettere russe, nel 1830 durante l’epidemia di colera di Mosca ha completato il romanzo in versi Eugene Onegin e altre opere classiche.

L’imperatore romano Marco Aurelio Antonino affrontò la peggiore delle piaghe durante la sua vita e una di queste prese il nome da lui “Antoine Plague” che si stima abbia ucciso fino a 5 milioni di persone, forse lo stesso Aurelio. È durante questo periodo che scrisse un famoso trattato filosofico Meditazioni, una guida filosofica e pratica per affrontare le sfide della perdita, dell’ansia, del dolore ecc. Meditazioni, risulta essere il manuale per sviluppare la resilienza mentale ai tempi della pandemia.

Bertrand Russell, mentre tentava di mappare le cause dell’infelicità nella vita moderna, scrisse in Conquest of Happiness, “La noia come fattore del comportamento umano ha ricevuto, a mio parere, molta meno attenzione di quanto meriti. È stato, credo, uno delle grandi forze motrici per tutta l’epoca storica, e lo è oggi più che mai». Immergendosi nelle nostre narrazioni personali, la noia scopre in noi il fenomeno cognitivo chiamato pianificazione autobiografica, un concetto neuro-scientifico che si occupa di capire come se la cava la nostra mente quando sogna ad occhi aperti. Marcus Raichle, un distinto neurologo della Washington University, ha scoperto che durante la noia il nostro cervello entra in una modalità predefinita, in cui si attiva un sistema di reti neurali che porta alla risoluzione dei nostri problemi e alla nascita di idee originali. Questo apre nuove prospettive per affrontare le nostre vite, visualizzando noi stessi in nuove situazioni e aiutandoci ad adattarci alla situazione del momento.

Heidegger, il filosofo tedesco che usava la fenomenologia introspettiva, credeva che la “noia profonda” potesse rappresentare il mezzo radicale per accedere all’essenza dell’essere.

La filosofia orientale mette in parallelo la noia al piano meditativo come Thích Nhất Hạnh nel suo libro del 1975 Miracoli della consapevolezza raccomanda di usare la parola “meditazione” alla fine di tutte le attività noiose. Robert M. Pirsig esplora nel suo Zen and the Art of Motorcycle Maintenance il legame tra il Buddismo Zen e la noia, con l’obiettivo di scoprire i significati incorporati negli attacchi di noia e la sua impercettibile aggiunta di significato nelle nostre vite.

Gli umani non possono sfuggire alla noia. Nietzsche ha scritto “Contro la noia anche gli dei lottano invano”. Camus, pur riconoscendo l’importanza della noia, la considerava come fonte di un’esistenza sana e piacevole.

Quindi abbracciamo la noia come guida per raggiungere la consapevolezza, la riscoperta di noi stessi, per risvegliare le nostre realtà esistenziali e l’apertura verso avventure creative. Tieniti annoiato per dispiegare e ripiegare le coordinate della nostra esistenza in questa “società liquida” baummainiana dove i significati evaporano e le artificiosità si solidificano..!

Leader contro manager

Spesso cii troviamo coinvolti in una controversia nella letteratura organizzativa: le presunte somiglianze e differenze tra “manager” e “leader”. Un ampio corpus di letteratura si è concentrato su ciò che fanno manager e leader. Alcuni distinguono nettamente. Ad esempio, “i manager fanno le cose per bene, mentre i leader fanno le cose giuste”. Altri esperti, come Henry Mintzberg, professore di management alla McGill University, ritengono che la dicotomia sia artificiale. “La leadership coinvolge dall’idraulica alla poesia. Invece di distinguere i leader dai manager, dovremmo incoraggiare tutti i manager a essere leader. E dovremmo definire la “leadership” come il management che ha agito bene.

La nostra impostazione è molto vicina a quella di Mintzberg, “manager” e “leader” sono termini che descrivono la stessa entità, e noi la definiamo come CAPOLEADER

“La scoperta consiste nel vedere ciò che tutti hanno visto e pensare ciò che nessun altro ha pensato.”

(Albert Szent-Györgyi)

All’interno di Fligby per stimolare l’approccio al gioco e alla corretta interpretazione dei profili di abilità questo dibattito “manager contro leader” non fa alcuna differenza. Ogni giocatore, entrando nei panni del Direttore Generale della Turul Winery, è invogliato a prendere decisioni e a condurre il business con il suo stile personale.

Collegare Flow e Leadership

Come ha scritto il prof. Csikszentmihalyi: “I nostri lavori determinano in larga misura come sono le nostre vite”.  Il modo in cui ci sentiamo al lavoro ha un impatto decisivo sulle nostre vite, sia positivo che negativo. Se l’ambiente di lavoro è gratificante – non solo in ambito retributivo – ma è in grado di farci sentire bene per ciò che stiamo realizzando e, allo stesso tempo, ci rende consapevoli che stiamo aiutando la nostra organizzazione a raggiungere obiettivi validi, è probabile che ne saremo felici. La soddisfazione e i risultati sul lavoro contribuiranno anche alla nostra felicità generale come esseri umani. Basti pensare a cosa succede quando si torna a casa dal lavoro tutti stressati rispetto a quando si arriva a casa e si dice a una persona cara, “oggi ho davvero realizzato me stesso e il mio contributo è stato apprezzato“.

Il Flow è rilevante in tema di Management e Leadership perché è un approccio che permette di gestire le persone attraverso la creazione di un ambiente in cui i dipendenti godano della loro attività e crescano costantemente mentre la svolgono. Sicuramente il nostro atteggiamento è rilevante per misurare la nostra soddisfazione lavorativa, i manager e i leader possono però fare molto per creare un ambiente di lavoro più gratificante, aumentando così le possibilità che i collaboratori siano altamente soddisfatti.

L’alta soddisfazione – chiamatela felicità – sul lavoro porta anche benefici sostanziali all’organizzazione perché un tale posto di lavoro

1. attrae gli individui più capaci e li trattiene a lungo;

2. ottiene un impegno spontaneo nello svolgimento delle proprie attività;

3. promuove la produttività sia individuale che collettiva;

4. incentiva un comportamento organizzativo più coinvolgente;

5. migliora le performance organizzative a tutto tondo.

L’attività più facile per creare un ambiente in cui i dipendenti godono del loro lavoro è quella di assottigliare o rimuovere i numerosi ostacoli che in genere ostacolano la loro esperienza di Flow e il loro coinvolgimento. Contemporaneamente l’attenzione costante dei manager e dei leader dovrebbe essere quella di contribuire con il proprio comportamento a generare Flow e mantenere un’atmosfera organizzativa flow-friendly. (L’”atmosfera” organizzativa o aziendale è un concetto fortemente legato alla cultura organizzativa e alle teorie del coinvolgimento dei dipendenti) qui di seguito tratteremo questi due argomenti sulla base di Good Business del prof. Csikszentmihalyi, offriremo esempi concreti e praticisu come rimuovere gli ostacoli a Flow e creare un’atmosfera aziendale flow-friendly.

Rimuovere gli ostacoli al Flow

Le persone sono predisposte verso il lavoro perché la nostra mente funziona meglio quando si concentra su un compito e affronta una sfida, la maggior parte dei lavori, però, non sono progettati per consentire ai lavoratori di ottenere piena soddisfazione nel compimento della propria attività. Questo concetto è particolarmente valido quando prendiamo in considerazione i cosiddetti  “knowledge worker”.

“Nella storia i datori di lavoro, dai faraoni fino ai moderni Top manager, sono preoccupati non di personalizzare il lavoro in modo da ottenere il meglio dai lavoratori, piuttosto il loro obiettivo principale è di come ottenere il massimo da essi. ” Costruire un’organizzazione duratura significa, prima di tutto, gestire le persone in modo da ottenere una situazione vantaggiosa sia per il dipendente che per il datore di lavoro. Le misure pratiche per raggiungere questo obiettivo possono essere organizzate sotto quattro sottotesti:

1. Infondere il senso di significato nell’attività lavorativa;

2. Rendere le condizioni oggettive del luogo di lavoro le più attraenti possibili.

3. Selezionare e premiare le persone che trovano soddisfazione nel loro lavoro, orientando così il morale dell’organizzazione in una direzione positiva.

4. Articolare e praticare un insieme di valori chiaramente definito e spiegato, la cosiddetta “cultura aziendale”.