https://capoleader.com/agenzia-viaggi-x-single/

PIU’ DIVERTIMENTO (specialmente a lavoro)

Divertimento a lavoro è possibile

Io penso di essere, come tanti altri, una persona che ama divertirsi. Ricercare un modo per provare divertimento, sia che sia attraverso lo sport, una lettura, una camminata o altri hobby, è la strada per arricchire la nostra vita. Capire come funziona il meccanismo che regola il divertimento ci consentirebbe di accrescere enormemente la nostra felicità. Immaginiamo dunque di vivere una vita in costante sensazione di divertimento, quanto paghereste per farlo?

Un ulteriore implicazione positiva sta nel fatto che quando ci divertiamo e siamo coinvolti in quello che facciamo, siamo anche più efficaci e otteniamo più facilmente i nostri obiettivi.

Questa sensazione “magica” di puro coinvolgimento e massima attenzione è stata studiata molto in profondità nel corso del tempo, il più importante accademico che ha analizzato l’origine della felicità e del divertimento è il come cercare il ragazzo che ti piace e lo ha chiamato stato di Flow.

Il Flow è uno stato di coscienza in cui la persona è completamente immersa in un’attività caratterizzata da focus, attenzione e consapevolezza dei propri mezzi.

I requisiti per entrare in questo stato sono:

  1. Gli obiettivi sono chiari. Avere un ardente desiderio chiaro e nitido di quello che vogliamo raggiungere. Aver determinato qual è lo stato ideale che si vuole raggiungere.
  2. Il feedback è immediato. Nel momento stesso in cui si compie l’azione possiamo valutarne l’esito. Il feedback non arriva dopo minuti, ore o settimane, ma immediatamente: “ho superato un avversario”, “ho riprodotto la variazione del brano x”, e così via.
  3. Concentrazione esclusiva sulla situazione in atto. Non ci sono distrazioni, si è al 100% immersi nella prestazione.
  4. Assenza di auto-osservazione. Nel preciso momento in cui si compie l’azione, l’individuo non si chiede come stia andando. Non esiste il “dovrei fare così”, “sarebbe meglio se”, ma solo la pura presa di coscienza di ciò che è già passato.
  5. Rapporto fluido e continuo tra l’azione e la consapevolezza. Non vi sono momenti per pensare e momenti per agire. È un flusso unico, senza interruzioni, e l’azione si sviluppa di pari passo con la consapevolezza di ciò che sta avvenendo.
  6. Il senso del tempo è alterato. In questi momenti i soggetti intervistati dichiaravano di avere una percezione del tempo completamente alterata. Un secondo può durare una vita e viceversa.
  7. Motivazione intrinseca. Ciò che motiva il soggetto durante l’esecuzione non è un riconoscimento esterno ma un piacere “intrinseco”, interiore, una sorta di beatitudine non dipendente dalle eventuali conferme esterne.
  8. Il senso del controllo è automatico e privo di sforzo. La tua padronanza della materia è tale da farti sentire perfettamente capace di controllare ciò che avviene, senza sforzi o timori.
  9. Vi è equilibrio tra le proprie capacità e il senso di difficoltà percepito. Sei bravo, preparato e capace in quella specifica attività. Hai interiorizzato la tecnica e senti di dover affrontare una sfida alla tua portata.

Proprio l’ultimo punto fa molto riflettere. Ottengo uno stato di Flow quando c’è bilanciamento tra le mie capacità e il livello di difficoltà dell’attività. Questo a prescindere dall’attività svolta, quindi qualsiasi attività che abbiamo di fronte a noi può permetterci di entrare in questo “stato di grazia”.

Se immaginiamo le nostre attività lavorative questo concetto assume un’alta rilevanza, non è la singola attività che ci provoca noia o stress ma è il contesto nel quale la affrontiamo. Se percepisco difficoltà o sfida dal compiere un lavoro probabilmente mi annoierò. Se percepisco il compito come troppo difficile proverò ansia o stress nel doverlo affrontare. Il segreto del successo sembrerebbe quindi essere legato a come vengono approcciate le situazioni lavorative. Dosando il livello di sfida intrinseco posso far diventare un’attività coinvolgente e pertanto affrontarla al massimo delle mie potenzialità. Affrontare il lavoro come fosse un gioco che ha lo scopo di ingaggiarmi e farmi divertire è la soluzione migliore per aumentare la nostra efficacia personale.

Porta il divertimento e il Flow nel tuo ambiente lavorativo!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.