PERCHE’ I VIDEOGIOCHI MIGLIORANO IL MONDO

videogiochi che cambiano il mondo

Qualche giorno fa, per passare la serata, in questo periodo di reclusione forzata, ho rivisto il film di fantascienza Edge of Tomorrow , diretto da Doug Liman. Il personaggio principale del film, impersonato da Tom Cruise, si chiama Bill Cage e ripete molteplici volte lo stesso giorno, una giornata di combattimenti futuristici con gli alieni. Ogni volta che muore, Cage si sveglia nuovamente all’inizio del giorno precedente. Tutto è come prima, con la differenza cruciale che lui ricorda tutte le esperienze precedenti di quel fatale giorno. Lo spettatore sembra inserito in uno di quei videogiochi in cui le abilità del personaggio migliorano ogni volta che ripete i combattimenti e incontra nuove sfide.

Il film mi ha fatto riflettere proprio sulle sfide odierne. Sia nell’ambito lavorativo che in quello più personale, in particolare su come in questo momento apprendiamo dai nostri errori e progrediamo in modo molto simile alle dinamiche dei videogiochi.

L’importanza economica dei videogiochi è evidente. Nel 2019, i ricavi delle loro vendite sono ammontati a  152 miliardi di dollari e la cultura dei millenials è incentrata molto più su questo tipo di strumento piuttosto che sui film o sulla televisione. I videogiochi e i social media hanno soppiantato i tradizionali mezzi d’intrattenimento.

Perché questo cambiamento?

Il Flow

Uno dei principali piaceri offerti sia dai videogiochi che dai social media è l’esperienza del Flow. Lo stato di Flow è una caratteristica distintiva dei nuovi strumenti d’intrattenimento. Tradizionalmente questo stato era generato da giochi analogici come i puzzle o i mattoncini LEGO®. Ora questo stato è indotto da ore di gioco sulla Playstation o con un video di YouTube o con un episodio di Netflix o monitorando i feed di Facebook per ore e ore.

Già negli anni ’70, come ho già accennato in altri post, lo psicologo Mihaly Csikszentmihalyi applicava il termine “FLOW per descrivere uno stato particolare che aveva identificato nei suoi studi. Lo studioso testualmente ha dichiarato:

Ho sviluppato una teoria dell’esperienza ottimale basata sul concetto di Flow — Una condizione in cui le persone sono così coinvolte in un’attività che nient’altro sembra importare; l’esperienza in sé è così piacevole che le persone la vivono profondamente, per il solo gusto di farlo. “

 Il Flow di Csikszentmihalyi può essere evocato da attività comuni a molte epoche e culture. Al Professore piaceva citare l’arrampicata su roccia o il tennis come esempi: vigorose attività fisiche in cui i partecipanti perdono la cognizione del tempo, impegnati a fondo nel lavoro del momento. Ma ha anche sostenuto che il suo stato di Flow ha qualcosa in comune con le forme di meditazione o esperienza religiosa.

I videogiochi che migliorano il mondo.

Tuttavia, molte esperienze vanno oltre la definizione di Csikszentmihalyi. La sua definizione di Flow richiede concentrazione: quando si sale su una parete rocciosa, è meglio concentrarsi completamente su tale compito. Per Csikszentmihalyi, ascoltare in modo focalizzato qualcuno che suona il piano può indurre flusso, ma suonare il piano è un’esperienza di flusso più forte. La nostra cultura mediatica oggi offre una varietà di esperienze passive che condividono una caratteristica chiave con il flusso di Csikszentmihalyi: il piacere di perdersi. Il piacere può essere intenso o attenuato. La riproduzione di un videogioco può richiedere la stessa attenzione di suonare il piano. Altri media digitali, come i media precedenti, richiedono meno concentrazione. Guardare i video di YouTube uno dopo l’altro è come passare la serata a guardare le sitcom su un televisore convenzionale. Sia attivo che passivo, sono comunque esperienze di Flow.

La designer e scrittrice Jane McGonigal crede che per risolvere i problemi sociali e politici globali dovremmo giocare tutti di più ai videogiochi. Nel suo discorso su TED “Il gioco può creare un mondo migliore”(vi ho messo qui a disposizione il suo intervento), mostra l’immagine di un giocatore che sta per ottenere una “Epic Win”. La foto cattura, spiega Jane, “un’emozione classica dei giochi … un senso di urgenza, un po ‘di paura, ma un’intensa concentrazione, una profonda, profonda attenzione per affrontare un problema davvero difficile”. Afferma che questa intensa concentrazione in un gioco può essere sfruttata per il cambiamento sociale trasformando i problemi del mondo reale in giochi collettivi online.

McGonigal e molti altri autori di giochi hanno chiaramente ragione sull’intensità del coinvolgimento che i giochi possono generare nei loro utenti. È l’impegno focalizzato che Csikszentmihalyi ha identificato come Flow.

I Vantaggi.

I videogiochi hanno i seguenti vantaggi:

  •  Addestrano la capacità di concentrarsi
  • Sviluppano ottimismo e la consapevolezza di poter sempre vincere
  • Incrementano l’ambizione e la voglia di crescere
  • Migliorano la resilienza e la capacità di rialzarsi di fronte ad un fallimento
  • Allenano il pensiero strategico e la capacità di analisi
  • Permettono di vivere ruoli diversi
  • Insegnano ad essere collaborativi
  • Promuovono la proattività e scoraggiano la passività
  • Creano la capacità di ricevere feedback in tempo reale sul nostro agire
  • Inducono ad aumentare le capacità sociali
  • Introducono l’aspettativa di divertirsi mentre svolgiamo qualsiasi attività.
  • Fanno capire l’importanza di avere una missione da compiere e di dare un perché a quello che si sta facendo.

Sebbene il flusso non sia affatto una nuova forma di esperienza, la nostra attuale cultura mediatica persegue l’estetica del flusso con particolare entusiasmo. Oggi i videogiochi godono di uno status economico e culturale ben oltre quello dei giochi tradizionali o delle forme di gioco, e non sono più un passatempo solo per i ragazzi adolescenti.

 Anche i videogiochi sono diventati “seri”: sono usati nell’istruzione e nella formazione, nella comunicazione di problemi di salute e nella politica per la propaganda e per scopi motivazionali.

Siamo pronti?

La domanda che sorge a questo punto è: siamo pronti per accogliere il gioco e i videogiochi nella nostra vita e utilizzarli per migliorare il mondo? E soprattutto siamo in grado di rendere il mondo reale più attraente del mondo virtuale? Questa è la sfida dei giorni nostri, come replicare nel mondo reale le fantastiche esperienze generate dal mondo virtuale e portare il divertimento nella nostra vita come nel nostro lavoro.

Commento

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Guarda il webinar introduttivo »

Scopri tutto quello che non ti hanno detto prima di diventare capo.

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Ottieni il libro Gratis!

Partecipa al sondaggio

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Scopri il tuo Stile comportamentale

Rispondi al test

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Fai il test sull'autenticità

Compila il questionario

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco