TEAM BUILDING

ARTICOLO DEL BLOG:

PERFEZIONISMO:
UNA LAMA A DOPPIO TAGLIO

Scopriamo quanto può essere positivo o negativo il perfezionismo.

Oggi nella rubrica “La Palestra del Flow” vogliamo parlare di un tema molto comune: il perfezionismo.

Il perfezionismo, nella sua essenza, rappresenta il desiderio di raggiungere la massima qualità e accuratezza in ciò che si fa.

 Tuttavia, nel contesto lavorativo, questa caratteristica può manifestarsi in modi diversi, con impatti profondamente differenti sulla produttività e sul benessere personale. 

Esistono due principali tipologie di perfezionismo: quello tossico e quello sano. Capire la differenza tra i due è fondamentale per mantenere un equilibrio positivo tra l’eccellenza professionale e la salute mentale.

Ti interessa questo argomento?

IL PERFEZIONISMO TOSSICO, UNA TRAPPOLA DA EVITARE

Il perfezionismo tossico è un comportamento paralizzante. Si manifesta attraverso una costante insoddisfazione per il proprio lavoro, una paura eccessiva di fare errori e una critica interna estremamente severa. Chi soffre di perfezionismo tossico tende a fissarsi su dettagli minimi, a procrastinare per paura di non fare abbastanza bene e a sentirsi inadeguato anche di fronte a successi evidenti. Questo tipo di perfezionismo non solo limita la produttività, ma può anche avere gravi conseguenze sulla salute mentale, portando a stress cronico, ansia e burnout.

Caratteristiche del perfezionismo tossico:

  • – Critica interna severa: Una voce interiore che non è mai soddisfatta, indipendentemente dal livello di successo raggiunto.

  • – Procrastinazione: La paura di non essere perfetti porta a ritardare il completamento delle attività.
  •  
  • – Paralisi da analisi: Eccessivo tempo speso su dettagli insignificanti.
  •  
  • – Paura del fallimento: Una costante preoccupazione di sbagliare, che ostacola la sperimentazione e l’innovazione.
  •  
  • – Insoddisfazione cronica: Sentimenti persistenti di inadeguatezza, indipendentemente dai risultati ottenuti.

Quando si parla di perfezionismo, vengono subito in mente esempi legati al mondo sportivo, dove la ricerca della perfezione è spesso evidente e le pressioni per eccellere possono essere estreme.

Il perfezionismo tossico nello sport si manifesta quando gli atleti sentono una pressione costante per essere perfetti, spesso sacrificando la loro salute fisica e mentale. Questo può portare a problemi seri come il burnout, infortuni frequenti e ansia da prestazione.

Un esempio è la ginnasta statunitense Simone Biles, che alle Olimpiadi di Tokyo 2020 ha deciso di ritirarsi da alcune competizioni per proteggere la sua salute mentale, parlando apertamente della pressione enorme e delle aspettative che sentiva.

Un altro esempio è il nuotatore Michael Phelps, il più decorato nella storia delle Olimpiadi, che ha condiviso le sue esperienze di depressione e ansia, spesso aggravate dal bisogno incessante di essere perfetto.

Per combattere il perfezionismo tossico, è cruciale adottare strategie che favoriscano una mentalità più equilibrata e costruttiva. Ad esempio, stabilire obiettivi realistici, accettare che gli errori fanno parte del processo di apprendimento e imparare a celebrare i piccoli successi può aiutare a ridurre la pressione interna e a promuovere un ambiente lavorativo più sano.

IL RUOLO DEL FEEDBACK DEL CAPO

Il feedback del capo gioca un ruolo cruciale nel modellare il comportamento dei collaboratori e nel influenzare la loro percezione del proprio lavoro.

Purtroppo, in molte realtà lavorative, si tende a considerare il lavoro ben fatto come un’aspettativa minima, non degna di riconoscimento.

Al contrario, gli errori vengono sempre puntualizzati e criticati.

Questo tipo di dinamica può alimentare il perfezionismo tossico, poiché i lavoratori si sentono continuamente sotto pressione e mai all’altezza delle aspettative.


Impatto del feedback negativo:

  • – Motivazione ridotta: Sentirsi criticati costantemente può erodere la motivazione.
  • – Ansia e stress: La paura di commettere errori può portare a elevati livelli di ansia.
  • – Autostima bassa: La mancanza di riconoscimento positivo può minare la fiducia in sé stessi.

D’altra parte, un responsabile che fornisce feedback equilibrati e costruttivi può aiutare a coltivare un ambiente lavorativo più positivo e produttivo. Il riconoscimento dei successi, insieme a critiche costruttive e supporto, può promuovere il perfezionismo sano.

PERFEZIONISMO SANO, MOTIVO DI CRESCITA

Diversamente, il perfezionismo sano è caratterizzato dal desiderio di migliorare continuamente senza cadere nella trappola dell’autocritica distruttiva. Le persone con un perfezionismo sano tendono a fissare standard elevati ma raggiungibili, e vedono gli errori come opportunità di crescita piuttosto che come fallimenti personali. Questo tipo di perfezionismo è spesso associato a una maggiore produttività, soddisfazione lavorativa e benessere psicologico.

Caratteristiche del perfezionismo sano:

  • – Obiettivi realistici: Fissare traguardi ambiziosi ma raggiungibili.

  • – Feedback di miglioramento: Utilizzare le critiche costruttive come strumento di crescita.
  •  
  • – Resilienza agli errori: Vedere gli errori come parte integrante del processo di apprendimento.
  •  
  • – Senso di realizzazione: Provare soddisfazione per i progressi fatti, anche se il risultato finale non è perfetto.

  • – Crescita continua: Impegno costante nel miglioramento personale e professionale.

Per coltivare il perfezionismo sano, è utile sviluppare una mentalità orientata alla crescita. Questo approccio enfatizza l’importanza dell’apprendimento continuo e dell’adattabilità. Inoltre, incoraggiare la collaborazione e il feedback positivo tra colleghi può creare un ambiente lavorativo dove il miglioramento è visto come un processo collettivo, piuttosto che una sfida individuale.

perfezionismo

L’IMPATTO SULLE DONNE: UNA DOPPIA SFIDA

Per le donne, il perfezionismo al lavoro può essere particolarmente impattante.

Nonostante i progressi fatti verso l’uguaglianza di genere, le donne spesso devono dimostrare di più per essere paragonate ai loro colleghi uomini.

Questo bisogno costante di eccellere può intensificare il perfezionismo tossico, portando a livelli ancora più elevati di stress e ansia.

Sfide aggiuntive per le donne:

  • – Stereotipi di genere: La necessità di combattere contro pregiudizi e aspettative basate sul genere.
  • – Pressione sociale: L’equilibrio tra carriera e responsabilità familiari può aumentare il carico mentale.
  • – Minore riconoscimento: Le donne possono ricevere meno riconoscimenti per i loro successi rispetto agli uomini.

Per superare queste sfide, è fondamentale che le organizzazioni promuovano un ambiente inclusivo e di supporto, dove il merito viene riconosciuto indipendentemente dal genere.

Questo include l’adozione di pratiche di feedback equo e costruttivo, che riconosca e celebri i successi delle donne tanto quanto quelli degli uomini.

UN ESEMPIO DI DIFFERENTI IMPATTI DI FEEDBACK

Immaginiamo due scenari con una lavoratrice che si trova di fronte a una nuova sfida professionale:

Scenario 1: Capo critico e non supportivo

Laura ha ricevuto un incarico complesso. Il suo capo tende a concentrarsi solo sugli errori e raramente offre riconoscimento per il lavoro ben fatto. Ogni volta che Laura commette un errore, il capo lo sottolinea con durezza e senza offrire suggerimenti costruttivi. Laura, già consapevole delle maggiori aspettative che la società impone alle donne, inizia a dubitare delle sue competenze, sviluppa ansia e, temendo di fallire, inizia a procrastinare. Alla fine, l’incarico non viene completato in modo soddisfacente, alimentando ulteriormente il senso di inadeguatezza di Laura.

Scenario 2: Capo supportivo e incoraggiante

Monica ha ricevuto un incarico altrettanto complesso. Il suo capo è noto per offrire feedback costruttivi e per riconoscere gli sforzi del team. Quando Monica commette un errore, il capo la affronta con comprensione, fornendo suggerimenti su come migliorare e complimentandosi per ciò che è stato fatto bene. Monica sente di avere il supporto necessario per crescere e affrontare la sfida con fiducia. L’incarico viene completato con successo, e Monica si sente realizzata e motivata per affrontare nuove sfide.

METTITI ALL’OPERA

Per mettere in pratica quanto discusso nell’articolo, prova questo esercizio:

  1. Riflettiti sul feedback: Pensa agli ultimi tre feedback che hai ricevuto al lavoro. Scrivili e rifletti su come ciascuno di essi ti abbia fatto sentire e su come ha influenzato il tuo lavoro successivo.
  2. Valuta il tuo perfezionismo: Analizza se tendi verso un perfezionismo tossico o sano. Identifica almeno due situazioni recenti in cui hai sentito la pressione di essere perfetto. Chiediti se questa pressione ti ha aiutato o ostacolato, e in che modo.
  3. Obiettivi realistici: Stabilisci due obiettivi realistici e raggiungibili per il tuo prossimo progetto lavorativo. Assicurati che siano specifici, misurabili, raggiungibili, rilevanti e con una scadenza precisa (SMART).
  4. Cerca feedback costruttivo: Chiedi un feedback al tuo capo o ai tuoi colleghi su un recente lavoro svolto. Focalizzati su come puoi migliorare piuttosto che sul risultato perfetto. Prendi nota dei complimenti ricevuti e delle aree di miglioramento suggerite.
  5. Celebra i successi: Annota tre successi che hai ottenuto nell’ultimo mese, anche piccoli. Riconosci il tuo progresso e la tua crescita, e permettiti di sentirti soddisfatto del tuo lavoro.

Ripetere questo esercizio periodicamente ti aiuterà a sviluppare un perfezionismo sano, a migliorare la tua resilienza agli errori e a promuovere una mentalità di crescita continua.

Il perfezionismo al lavoro può essere una lama a doppio taglio: se gestito correttamente, può essere una forza positiva che spinge verso l’eccellenza, ma se lasciato incontrollato, può diventare un fardello che ostacola il progresso e compromette il benessere. Riconoscere e distinguere tra perfezionismo tossico e sano è il primo passo per utilizzare questa caratteristica a proprio vantaggio, creando un equilibrio che permette di raggiungere i propri obiettivi professionali senza sacrificare la salute mentale.

Ti interessa questo argomento?

SCOPRI IL FLOW

L'EBOOK GRATUITO CON I SEGRETI PER MASSIMIZZARE SIA LA PRODUTTIVITÀ CHE LA FELICITÀ

Scopri come il concetto del Flow, o flusso, può rivoluzionare la tua vita personale e professionale migliorando la produttività e la felicità.

L’ebook “Scopri il Flow” di CapoLeader offre un’introduzione dettagliata a questo stato di immersione totale, con strategie pratiche per coltivarlo nelle attività quotidiane.
Attraverso esempi concreti e consigli pratici, imparerai a raggiungere il massimo rendimento in ogni ambito della tua vita.

leggi gli altri

ARTICOLI DEL BLOG

ansia e noia insideout

Ansia e Noia in Inside Out 2

La leadership che promuove il Flow e l’idea di Csikszentmihalyi di “Good Business”
Sebbene la maggior parte delle persone si diverta a lavorare quando entra in Flow, sono troppo pochi i lavori progettati per rendere possibile Flow. È qui che la gestione può fare davvero la differenza. Per un manager o un leader che si preoccupa veramente dei profitti nel senso più ampio del termine, la prima priorità è eliminare gli ostacoli al flow a tutti i livelli dell’organizzazione e sostituire pratiche e politiche progettate per rendere piacevole il lavoro. Nasce così un modello di leadership che promuove il Flow.

Leggi l'articolo »
migliorare la collaborazione

MIGLIORARE LA COLLABORAZIONE GIOCANDO

Sempre più aziende sono alla ricerca di soluzioni innovative ed efficaci per superare la mentalità a silos della propria azienda, migliorare la collaborazione tra i reparti e allenare il pensiero sistemico. In questo articolo scopriremo perchè scegliere Friday Night at the ER come strategia formativa vincente.

Leggi l'articolo »
network di leader

NETWORK DI LEADER

Nello scorso articolo abbiamo introdotto il concetto della consapevolezza relazionale e di quanto sia importante per poter creare un clima di lavoro sano e basato sulla collaborazione. Oggi facciamo un passo in più e andiamo ad analizzare il motivo per cui sia fondamentale lavorare sulla creazione di un network di leader.

Leggi l'articolo »
micromanaging

10 STRATEGIE PER FERMARE IL MICROMANAGEMENT

Nelle scorse settimane, ci siamo dedicati a esaminare attentamente il concetto di micromanagement: cosa sia, quali siano i suoi effetti, come riconoscerlo nei nostri comportamenti di gestione e come smettere di praticarlo. Abbiamo esplorato come questa pratica, caratterizzata da un controllo eccessivo e dettagliato, possa compromettere le dinamiche lavorative, minando la fiducia e la motivazione dei collaboratori.

Leggi l'articolo »
raggiungere il successo con il gioco

RAGGIUNGERE IL SUCCESSO CON IL GIOCO

Gioco e lavoro sono spesso considerati come opposti, poiché sembrano rappresentare due aspetti della vita che sono in conflitto tra di loro. Mentre il gioco è associato al divertimento, alla creatività e alla libertà, il lavoro è spesso visto come un dovere, un’attività che deve essere svolta per guadagnarsi da vivere e che richiede disciplina e responsabilità. In questo articolo andremo a ribaltare questa concezione, spiegando come sia possibile raggiungere il successo con il gioco.

Leggi l'articolo »

TEAM BUILDING INNOVATIVO CON FRIDAY NIGHT AT THE ER

“Si può scoprire di più di una persona in un’ora di gioco che in un anno di conversazione”
Diceva Platone, già nel IV secolo a.C, ma la settimana scorsa lo abbiamo sperimentato anche noi di CapoLeader insieme a Confapi con il team building Friday Night at the ER.

Leggi l'articolo »

APPROFONDIAMO INSIEME!

Ti interessa a questo argomento?

Parliamone insieme!

Compila il form con i tuoi dati per prenotare una call gratuita di approfondimento.

Verrai contattato al più presto per discutere insieme a noi i  dettagli che ti interessano e ricevere ulteriori informazioni sull’argomento.

Prenota una Call con un consulente

Inserisci i tuoi dati, ti ricontatteremo nel giro di poche ore.