Lezioni di leadership

Lezioni di Leadership

Proseguiamo il nostro viaggio nel mondo cinematografico per scovare le lezioni di leadership (clicca qui per la prima parte) dai film con un altro film di successo, che ci aiuta a cogliere la differenza tra un leader evoluto e un pessimo leader:

 

Il Gladiatore

Numerose anche in questo caso le lezioni di leadership che possiamo apprendere:

  1. Usa l’autorevolezza non l’autorità. Nel film i due protagonisti principali sono Commodo che è l’imperatore e Massimo il generale romano diventato schiavo e gladiatore. Uno è il capo supremo di tutta Roma, con un potere immenso, che usa la sua posizione per comandare e guidare. Le persone lo seguono solo per la sua posizione, i benefici che può concedere o il timore di ritorsioni che potrebbe infliggere loro. La maggior parte delle persone lo segue per paura piuttosto che per lealtà. Senza la sua posizione non lo avrebbero mai seguito. Massimo, d’altra parte, non ha una posizione formale, è solo un gladiatore. Eppure, anche tra gli altri gladiatori è chiaramente il capo, gli altri lo seguono nel rispetto delle sue capacità, del suo onore, della sua autenticità. È fidato e rispettato.
  2. Guida con l’esempio. il film si apre con il personaggio di Russell Crowe, Maximus, sull’orlo di una battaglia mortale con i suoi soldati contro un nemico determinato. Fa un discorso commovente per motivare gli uomini, ma la visuale di Massimo che galoppa a cavallo ruggendo “Tieni la linea! Resta con me!” mentre guida le sue truppe in battaglia, chiarisce che Massimo non avrebbe mai chiesto ai suoi uomini di correre un rischio che non era disposto a correre lui stesso. Commodo, invece, si presenta intenzionalmente dopo che la battaglia è stata vinta e non c’è più alcun pericolo. Si finge sorpreso: “Mi sono perso? Ho perso la battaglia?“.
  3. Lavora per l’organizzazione non per te stesso. Dopo la sua vittoria finale, quando Marco Aurelio gli chiese: “Come posso premiare il più grande generale di Roma?” Massimo risponde semplicemente: “Lasciami andare a casa“. L’imperatore risponde: “C’è un altro dovere che ti chiedo prima di tornare a casa. Voglio che tu diventi il ​​protettore di Roma dopo la mia morte… accetterai questo grande onore che ti ho offerto?” Dopo una pausa pensierosa Massimo risponde: “Con tutto il cuore, no“. Marco Aurelio prende delicatamente il viso di Massimo tra le mani, lo guarda profondamente negli occhi come farebbe un padre amorevole con il suo figlio prediletto e dice: “Massimo, ecco perché devi essere tu“. I grandi leader assumono il ruolo di leader quando credono che sia ciò che è meglio per l’organizzazione. Non è ciò che è meglio per sé stessi. Paradossalmente non cercano di essere il capo, sono riluttanti al potere perché riconoscono che la posizione di leadership è al tempo stesso un privilegio e un peso. Commodo brama il potere, fa politica, trama, manovra le persone solo per raggiungere il vertice e solo per sé stesso.
  4. Il team è più forte dell’individuo. Massimo alla prima battaglia nel colosseo dice al suo gruppo di gladiatori: “Qualunque cosa venga fuori, abbiamo maggiori possibilità di sopravvivenza se lavoriamo insieme“. Le parole chiave qui sono “lavorare insieme”. In diverse scene organizza i suoi uomini sul campo di battaglia, dice loro quando attaccare e quando mettersi al riparo. A un certo punto, devono sconfiggere nemici più equipaggiati di loro. I nemici avversari viaggiano su carri, hanno molte più armi e un ingiusto vantaggio nei confronti di Massimo e della sua squadra. Ciò non ferma la sua capacità di leadership. Ecco la potente lezione: non abbiamo sempre bisogno di più risorse, ma dobbiamo imparare a diventare più intraprendenti. Non abbiamo bisogno di più strumenti, abbiamo semplicemente bisogno di sviluppare di più le nostre capacità interne. L’efficacia di un leader sta anche nella sua capacità di prendere le risorse, prendere tutto ciò che gli è stato dato e trasformarle in un capolavoro. Non concentrarti sulle risorse che non hai, ma concentrati sul diventare più intraprendente con ciò che hai. Non puoi farcela da solo. Ci vuole una squadra per superare gli ostacoli, battere la concorrenza e ottenere risultati sorprendenti. Puoi assicurarti successo e importanza solo quando hai sviluppato la tua squadra verso la grandezza.

Coach Carter

Anche questo film narra una storia collegata con lo sport, vengono narrate le vicende di Coach Carter, un allenatore di pallacanestro che deve guidare una squadra di ragazzi nello sport come nella vita.

  • La leadership non è una gara di popolarità. L’allenatore Carter vuole cambiare la vita delle persone nella squadra di basket e crede di conoscere l’approccio migliore per farlo. Inizialmente questo non lo rende popolare tra i giocatori poiché chiede loro di firmare contratti sul loro comportamento come giocatori, studenti e uomini. Ma sa che è nel loro interesse e alla fine lo avrebbero ringraziato. In quanto leader, uno dei nostri ruoli è quello di guidare il cambiamento e il miglioramento, spesso ciò comporta il cambiamento della cultura. Le persone sono spesso resistenti a questo tipo di cambiamento e, mentre cerchiamo di portare avanti le nostre idee, questo può renderci impopolari. Ma dobbiamo mantenere la rotta, non dovremmo mai cercare di sottrarci al compito o diluire ciò che stiamo cercando di ottenere solo per essere popolari.
  • Dobbiamo spingere le persone fuori dalla loro zona di comfort. la squadra ha il talento, ma non ha la capacità di utilizzarlo al meglio. Aumentando significativamente la propria forma fisica migliorano il record di 4 vittorie e 20 sconfitte, nella stagione precedente, fino a rimanere quasi imbattuti nella stagione successiva. Ciò ha richiesto loro di allenarsi più duramente di quanto non si fossero allenati prima, di lasciare le loro vecchie zone di comfort e crearne di nuove. Per portare le persone al livello successivo, abbiamo bisogno che escano dalle loro zone di comfort. Quando le persone rimangono nelle loro zone di comfort, manteniamo lo status quo.
  • Le persone possono ottenere molto di più se riusciamo a creare la giusta convinzione. L’allenatore Carter crede che con la giusta istruzione i suoi giocatori sarebbero stati in grado di sfruttare i loro talenti nel basket per ottenere borse di studio per andare al college. Questo può dare ai suoi giocatori la possibilità di una vita migliore. Il suo obiettivo è quello di creare questo desiderio, mostrare cosa possono diventare e poi come poterlo realizzare. Come leader dobbiamo aiutare le persone a raggiungere il loro pieno potenziale, anche quando questo non è pienamente visibile. Dobbiamo creare il desiderio, stabilire gli obiettivi, mostrare la strada e quindi aiutare a creare la convinzione nel team che sia possibile raggiungerli e quindi supportarli nel loro viaggio.
  • I leader devono prendere posizione. L’allenatore Carter crede che i suoi giocatori siano studenti e atleti, l’enfasi è però sullo studente prima di tutto. Quindi, quando i suoi studenti non riescono a raggiungere i livelli accademici che hanno concordato, annulla gli allenamenti e le partite di basket finché non raggiungono il livello richiesto. Questo crea un conflitto tra lui, i giocatori, i loro genitori e il consiglio scolastico, ma anche lui mantiene la sua posizione, impegnato in ciò in cui crede. La leadership può spesso richiederci di prendere una posizione, di sostenere le nostre convinzioni anche di fronte alle crescenti critiche, anche se potremmo essere una minoranza. Dobbiamo difendere le nostre convinzioni, essere fedeli ai nostri valori. La leadership non è mai stata pensata per essere facile e spesso richiede il coraggio delle nostre convinzioni per farcela.

Patch Adams

Quando si tratta di leader, è difficile trovarne uno paragonabile a Patch Adams. Aveva i suoi difetti come tutti i leader, ma le sue eccezionali qualità di leadership li oscurano nella maggior parte delle situazioni.  Ecco alcune delle lezioni di leadership che possiamo trarre dal film che narra la sua vita:

  1. Sii compassionevole. Le sue parole quando parla del suo approccio sono significative: “Quando curi una malattia, puoi vincere o puoi perdere. Quando curi le persone, ti garantisco, che tu vincerai, non importa quale sia il risultato.” La compassione alla fine conquista i cuori. La lezione per i leader viene proprio da questo aspetto, non occuparti di risultati e di numeri, occupati delle persone, prenditi cura di loro e falle star bene, in questo modo vincerai sempre. Le persone sono al centro di tutto dimostrare comprensione e compassione per loro le conquista.
  2. Scopri la tua vera missione. Patch Adams rielabora l’essenza del proprio lavoro e del proprio scopo e la presenta attraverso delle parole molto profonde: “Il lavoro del medico è aumentare la qualità della vita non semplicemente ritardare la morte”. Tutti noi possiamo riscoprire l’essenza profonda del nostro lavoro creando un senso di scopo e riuscendo a scoprire il nostro contributo verso un mondo migliore. Riuscire a trasmettere una mission profonda ai propri collaboratori è fondamentale per un leader che voglia ispirare e motivare.
  3. L’humor è l’antidoto per tutti i mali. L’allegria e il senso dello humor facilitano le nostre esperienze migliori: “L’humour è l’antidoto per tutti i mali. Credo che il divertimento sia importante quanto l’amore. Alla fin fine, quando si chiede alla gente che cosa piaccia loro della vita, quello che conta è il divertimento che provano, che si tratti di corse di automobili, di ballare, di giardinaggio, di golf, di scrivere libri. La vita è un tale miracolo ed è così bello essere vivi che mi chiedo perché qualcuno possa sprecare un solo minuto! Il riso è la medicina migliore.” Un buon leader apprezza la leggerezza in quello che fa, non è serioso e riesce a trasferire il buon umore in chi ha attorno. E’ consapevole che chi possiede la leggerezza di sorridere dei propri problemi, possiede anche la capacità di poterli risolvere.
  4. Guarda quello che gli altri ignorano. Patch è capace di guardare oltre le apparenze di comprendere il suo interlocutore oltre i pregiudizi e il conformismo. “Guarda quello che nessun altro vede. Guarda quello che ognuno sceglie di non vedere… al di fuori delle paure, del conformismo e della pigrizia. Elevati dalla mediocrità.” Un buon leader sa riconoscere i particolari importanti, sospende il giudizio, apre la mente alla comprensione del proprio interlocutore, accoglie le idee innovative anche se stravaganti.

L’attimo Fuggente

L’incomparabile Robin Williams impersona lo stravagante professor Keating in uno dei film di maggior ispirazione e motivazione. Cosa può apprendere un leader? Ecco le lezioni di leadership che abbiamo elaborato:

  1. Non è chi sei, ma cosa fai che ti definisce. Keating trasmette questo messaggio ai suoi studenti perché non vuole che siano trattenuti da idee preconcette. Non si tratta di razza, sesso, età o persino esperienza. Le persone sono misurate da ciò che realizzano. Keating incoraggia l’azione da parte dei suoi studenti. Vuole che perseguano incessantemente le loro passioni. E proprio questo è quello che ogni leader dovrebbe volere per il proprio team. Far diventare il lavoro quotidiano piacevole e divertente, qualcosa di molto simile ad una passione. L’agire fa la differenza, perché solo vivendo situazioni ed esperienze si procede nel percorso di crescita.
  2. Agisci come se non avessi nulla da perdere. Gli studenti di Keating sono giovani ragazzi con la vita di fronte a loro, ma li incoraggia all’assunzione di rischi. Spinge i suoi studenti a muoversi al di fuori dei loro livelli di comfort. Cerca costantemente di dimostrare che la cosa peggiore che può accadere in realtà non è poi così male. E attraverso il suo incoraggiamento, i ragazzi scoprono di essere capaci di molto più di quanto pensassero possibile. Il leader dovrebbe essere capace di pensare che le sue persone siano capaci di fare di più di quello che già fanno oggi. Agevola l’assunzione di rischi e concede la possibilità di sbagliare, ed è proprio in questo modo che libera il loro potenziale.
  3. Modifica la prospettiva. Keating dice ai suoi studenti che quando si pensa di aver capito qualcosa, è il momento di guardarlo da una nuova prospettiva. Incoraggia il pensiero indipendente: “Ci teniamo tutti ad essere accettati ma dovete credere che i vostri pensieri siano unici e vostri, anche se ad altri sembrano strani ed impopolari. Come ha detto Frost: Due strade trovai nel bosco e io scelsi quella meno battuta, ed è per questo che sono diverso“. Vuole che i suoi studenti evitino il conformismo. Il leader lavora in organizzazioni che hanno la loro cultura e dove c’è un modo consolidato di fare le cose, e forse, un modo di pensare consolidato. Se vuole davvero sfondare lo status quo, deve far sì che la sua gente pensi in modi nuovi e innovativi. Deve farli guardare le cose da una nuova prospettiva.
  4. Carpe diem: cogli l’attimo.Cogli l’attimo, cogli la rosa quand’è il momento”… Perché il poeta usa questi versi? …perché siamo cibo per i vermi, ragazzi…” Va bene parlare e sognare, ma alla fine è l’azione che ci permetterà di afferrare il successo. È necessario incoraggiare l’azione nelle persone. Tutte le conversazioni, la pianificazione e le strategie non ci porteranno da nessuna parte a meno che non vengano generate azioni concrete. Un buon leader incoraggia le persone a orientarsi all’azione. Non è importante che questo le porterà a commettere più errori o a sostenere sforzi senza risultati immediati, perché agendo stanno facendo accadere qualcosa. Il tempo che sprechiamo oggi è sparito per sempre.

Invictus

Invictus ci racconta le gesta della squadra di rugby sudafricana per la Coppa del Mondo e la visione di un paese culturalmente unificato, vista da Nelson Mandela (Morgan Freeman) e Francois Pienaar (Matt Damon), che, come presidente e capitano della squadra di rugby, hanno lavorato insieme per la squadra e in definitiva per la nazione. Ecco le lezioni di leadership individuate all’interno del film:

  1. Guida con l’esempio. Una delle frasi più significative di Nelson Mandela è “Se io non so cambiare quando le circostanze lo impongono come posso chiedere agli altri di cambiare?”. Se all’odio e all’incomprensione si reagisce ricambiandoli come si può interrompere l’escalation? Mandela guida attraverso l’esempio e fa partire il cambiamento proprio da sé stesso. Un leader che vuole interrompere un circolo vizioso che porta all’inefficienza deve essere in grado di essere il primo a cambiare.
  2. Unisci le persone anziché dividerle. Mandela quando si fa riferimento alla sua famiglia dice “La mia famiglia è composta da 42 milioni di persone” e nessuno deve rimanere indietro, la sua visione è inclusiva, aggregante, non ammette distinzioni e discriminazioni. È volta a ispirare tutta la popolazione e la squadra di rugby ne diventa il simbolo. Quanto più un leader è capace di creare una visione ampia che unisce tutti i membri dell’organizzazione tanto più avrà persone capaci di impegnarsi e spendersi per arrivare al successo.
  3. Lascia andare il passato. Mandela capisce che se vuole avere successo nel suo piano di riunificazione del Sudafrica deve fare la pace con il passato, lasciar andare tutti i torti subiti e perdonare il proprio interlocutore, questa forza morale viene riconosciuta da Pienaar che durante la visita a State Island dice “Come si fa a passare 30 anni in una piccola cella e uscirne pronto a perdonare chi ti ci ha rinchiuso.”. Lasciar andare il passato è fondamentale se si vuole costruire un futuro nuovo. L’odio per i torti o le ingiustizie subite e l’utilizzo del proprio potere per vendicarsi non aiuterà un leader ad avere successo.
  4. Abbraccia il rischio. Mandela è consapevole che il suo ruolo comporta anche l’assunzione di rischi e responsabilità e riconosce il coraggio come una delle sue caratteristiche vincenti: “Il giorno in cui avrò paura di rischiare, non sarò più adatto a fare il leader.” Inevitabilmente quando parliamo di trasformazione si parla di rischio ed errore. Una cultura aziendale incentrata sul controllo e sulla sicurezza porta sicuramente a privilegiare concetti e comportamenti legati alla stabilità, alla pianificazione e all’organizzazione. In questo contesto si teme il rischio perché si finisce per confonderlo con il pericolo. Il ruolo del leader è quello di vigilare sul rischio e trasformarlo in opportunità. Bisogna ricordarsi che solo dove c’è rischio c’è rendimento.

Il nostro viaggio tra i film ispiratori di lezioni di leadership finisce qui, e proprio qui parte il vostro. La sfida è trovare altri esempi di film che guidino in una comprensione più approfondita del ruolo del leader.

Ti chiedo di aggiungere qui di seguito tra i commenti qualche altro film che reputi significativo in materia di leadership, magari citandone la lezione imparata.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.