Abbiamo visto in un precedente articolo che, in un mondo in veloce evoluzione e caratterizzato dal VUCA, sono necessarie nuove capacità, citando Darwin “non è la specie più forte che sopravvive è quella più capace ad adattarsi alle nuove condizioni”. Si fa strada in questo contesto un nuovo approccio alla leadership chiamato “Leadership Fluida”. Secondo questa scuola di pensiero il leader per emergere dovrà sempre di più avere competenze che lo aiutano ad adattarsi al contesto in modo veloce e pragmatico.

I concetti di innovazione e agilità sono parole d’ordine e sono vitali per sopravvivere. I neuroscienziati imputano queste capacità ad alcune caratteristiche del nostro cervello e più propriamente a due diversi tipi di intelligenza: l’intelligenza cristallizzata e quella fluida.

Due intelligenze

Usiamo l’intelligenza cristallizzata in contesti stabili, nei quali siamo in situazione di comfort perché conosciamo bene le variabili in gioco e sappiamo governarle. La nostra padronanza della situazione deriva dall’esperienza e dalla conoscenza pregressa (istruzione, esperienza lavorativa, formazione professionale). La maggior parte degli investimenti delle aziende nello sviluppo del personale si concentra sull’intelligenza cristallizzata.

Tuttavia, l’ambiente nel quale stiamo vivendo non è per nulla stabile e le variabili in gioco non sono chiare, né tantomeno governabili facilmente. E’ necessario integrare gli interventi sull’intelligenza cristallizzata con lo sviluppo dell’intelligenza Fluida. Questa è la caratteristica predominante della leadership Fluida: la capacità di adattarsi e risolvere problemi mai affrontati in un ambiente che non conosciamo e con poche informazioni disponibili.

Se l’intelligenza cristallizzata è principalmente un’attività del lobo sinistro del cervello ed è sostenuta dal linguaggio, l’intelligenza fluida è definita dal lobo destro e si basa sulla capacità di percezione e di elaborazione veloce del pensiero.

Riequilibrare l’utilizzo delle diverse intelligenze è una necessità. Immaginiamo di allenare solo la gamba sinistra con continui esercizi finché questa diventa veramente forte, ma se trascuriamo di esercitare la destra il risultato è che camminando cominceremmo a girare in tondo sprecando tutte le nostre energie. Nel contesto attuale è necessario allenare anche la gamba destra per essere in equilibrio.

I progressi effettuati dalle neuroscienze ci dicono che è possibile allenare la “gamba destra” e spiegano i vantaggi di approccio equilibrato tra intelligenza cristallizzata e fluida.

Facciamo un esempio proprio nell’area learning and development, che può facilmente essere compreso. Immaginiamo un gruppo di 10 persone che frequentino un corso di formazione di due giorni. I partecipanti hanno tutti competenze ed esperienze simili, Il trainer è uguale per tutti come i contenuti e il materiale del corso. Nonostante l’esperienza identica solo alcuni di loro applicheranno ciò che hanno appreso, altri avranno difficoltà nell’applicare le nuove conoscenze. L’unica cosa differente è come sta lavorando il loro cervello e quanto sono allenati nel processare nuove informazioni e ad adattare il proprio comportamento. Se non stiamo incrementando il loro utilizzo dell’intelligenza fluida non stiamo dandogli la possibilità di applicare l’apprendimento e sviluppare nuovi comportamenti. Tutto quello che abbiamo fatto è aumentare la loro comprensione (intelligenza cristallizzata).

Il nostro sistema operativo

Possiamo paragonare il modo in cui il nostro cervello elabora, apprende e utilizza le informazioni ad un sistema operativo di un pc. Chi utilizza il pc non vede direttamente cosa succede nel sistema operativo, usiamo le applicazioni come word ed excel e ci aspettiamo un determinato output. Comprendiamo che c’è qualcosa che non va nel sistema operativo quando l’output non arriva o tarda ad arrivare o il sistema stesso si blocca. Il cervello funziona allo stesso modo, non è in grado di elaborare le informazioni abbastanza rapidamente perché c’è un sovraccarico e perché queste vanno processate sempre più velocemente ma senza il tempo necessario per analizzarle.

Più il progresso e la velocità del cambiamento aumentano più l’importanza della nostra conoscenza diminuisce. Anche se pensiamo che la nostra conoscenza cristallizzata sia una risorsa importante, questa si sta deprezzando perché molto di ciò che impariamo sta diventando ridondante. L’adattabilità e l’agilità dell’apprendimento stanno diventando le fondamenta per il nostro successo professionale.

Un leader con poche qualità di adattamento nel passato poteva sopravvivere, ora e nel futuro non potrà prescindere dallo sviluppare l’intelligenza Fluida e quindi la leadership Fluida. È proprio per questo motivo che alcuni neuroscienziati hanno messo a frutto le conoscenze sulla neuroplasticità per allenare la capacità di cambiare e di modificare i propri comportamenti. La maggior parte dei programmi di sviluppo affronta i sintomi, ma è difficile ottenere un cambiamento importante nel breve periodo se non si affronta la causa sottostante. Proprio perché la causa è nel subconscio è necessario usare il cervello in modo diverso. Un allenamento di questo tipo prevede un intervento di almeno 3 o 4 mesi perché questo è il tempo necessario per costruire e rafforzare i percorsi neurali in modo che diventi un’abitudine subconscia anche quando viene messa sotto stress.

Houston abbiamo un problema…

 

Per comprendere meglio cosa vuol dire la leadership fluida basta fare riferimento al famoso film Apollo 13. Questo è il modo ideale per definire cosa vuol dire la capacità di adattamento. Si tratta di una situazione reale mai sperimentata in precedenza dove l’intelligenza fluida permette di trovare soluzioni innovative in corsa senza la possibilità di fare affidamento su precedenti storici. Un imprevisto crea una disruption nelle procedure e la Nasa si trova nelle condizioni di navigare a vista per poter riportare gli astronauti sulla terra. La base di partenza è il fatto che non vengono considerate alternative al fatto di riportare a terra l’equipaggio e da questo dato di fatto a ritroso si sperimentano soluzioni per ovviare ai problemi della navicella pur in presenza di risorse scarse. In questo contesto la leadership guida in base alla capacità di estrarre dal proprio team le capacità a volte nascoste o inconsapevoli dei vari membri. Utilizzando una definizione di Piaget la leadership adattiva “è quello che utilizzi quando non sai cosa fare”.

Il Programma di sviluppo dell’intelligenza fluida

L’obiettivo del programma è migliorare l’adattabilità e l’agilità mentale, entrambi fondamentali nel mondo VUCA di oggi. Le modalità sono alternative a quelle tradizionali non c’è formazione frontale o coaching perché per definizione queste riguardano il lato sinistro del cervello e il linguaggio. Queste sono importanti ma saranno svolte successivamente, il focus è sulla capacità adattivia, sulla velocità di apprendimento, la brillantezza cognitiva e la prontezza di analisi. Il programma è destinato a talenti ad alto potenziale nonché a dirigenti e manager. Il primo step è un assessment sugli aspetti sopracitati. Il test utilizza una piattaforma online per mettere alla prova le nostre capacità cognitive in vari aspetti legati alla memoria, all’attenzione, alla reazione a suoni e immagini. Il punteggio iniziale nelle diverse aree d’intervento serve per stabilire e personalizzare il percorso successivo.

Il programma si articola con una serie di sessioni collettive di debrief da 1 ora ciascuna (2 al mese) e da allenamenti individuali online sulla piattaforma con sfide e difficoltà che si adattano alle prestazioni di ogni partecipante. L’impegno per questi allenamenti individuali è di circa 2 ore a settimana. Alla fine dei 4 mesi i partecipanti vengono testati nuovamente e viene messo in luce il miglioramento intervenuto dopo gli allenamenti.

Questo tipo di percorso va ad aggiungere le fondamenta per un percorso di sviluppo della leadership equilibrato, è inutile edificare grattacieli se queste fondamenta non sono solide e stabili. E’ stato testato in prima battuta negli Stati Uniti e ha destato grande interesse nei responsabili dello sviluppo HR delle aziende coinvolte. Questo perché c’è la sentita necessità di rendere i leader più adattabili, agili e flessibili ma non si sa come farlo.

Noi di CapoLeader sulla base dei progetti di Leadership Fluida già esistenti sul mercato americano stiamo facendo i primi passi per l’introduzione di un programma formativo sul mercato italiano. Abbiamo lo strumento e stiamo testando le procedure. Siete interessati ad introdurre il programma nelle vostre organizzazioni? Contattateci su contatta@capoleader.com e vi daremo tutti i dettagli.

#Leadershipfluida #intelligenzafluida #traintheleadership

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.